Telefilm&Popcorn | How to Get Away with Murder

venerdì, marzo 25, 2016

Ciao a tutte ragazze, il Telefilm&Popcorn di questa settimana è dedicato a How to Get Away with Murder fondamentalmente perché settimana scorsa c'è stato la season finale ed io voglio già la nuova stagione! Ho letto in giro che questa seconda non è piaciuta a tutti e che l'hanno trovata noiosa, per me è tutto il contrario, e questo è uno dei pochi telefilm che riesce davvero a tenermi con gli occhi incollati allo schermo, oltre ad intripparmi parecchio il cervello.
Lo seguo fin dall'inizio e non ricordo cosa mi spinse a guardarlo, in primis perché i telefilm che hanno a che fare con gli avvocati mi annoiano parecchio, ma a quanto pare questo mi aveva colpito a tal punto da volergli dare una possibilità, e per fortuna che l'ho fatto!
La serie è stata trasmessa per la prima volta nel 2014, è stata creata da Peter Nowalk e prodotto da Shonda Rhimes, la signora del male.
La storia ruota attorno alla figura di Annaline Keating, stimato avvocato e docente di diritto penale, che insieme ai "Keating Five", cinque studenti della sua classe scelti dalla stessa Annaline, e ai suoi collaboratori Bonnie e Frank, si trova a dover affrontare vari processi.
La cosa che mi ha colpita fin da subito di questo show è l'inserimento dei flash-forwards che danno un accenno di ciò che è successo, in questo caso la trama principale sul quale verte tutta la stagione, e pian piano ci vengono dati dettagli in più, piccoli pezzi che verranno poi incastrati l'un l'altro per arrivare alla soluzione finale, e puntualmente non ci capisco un cavolo.
Credo sia la prima volta ma in questa serie non ho un vero e proprio personaggio preferito, però va dato un punto in più a Jack Falahee, che interpreta Connor, perché dà il suo bel contributo visivo, che non guasta mai.
Passiamo alla nail art:
Sono entrata un po' in crisi perché su un paio di unghie non avevo la più pallida idea di cosa disegnare, ma per fortuna alla fine sono riuscita a trovare qualcosa.
Sul pollice ho riportato le iniziali dello show perché era impossibile farci entrare tutto il titolo. Ho optato per uno sfondo rosso, per far risaltare la scritta, ed ho cercato di rifare lo schizzo nero che c'è anche nell'originale, utilizzando un pennello a ventaglio, ma non è venuto come volevo. La scritta l'ho fatta con l'acrilico bianco e poi contornata con il nero.
Sull'indice ho ricreato uno schizzo di sangue per rappresentare l'omicidio, per farlo ho tagliato un pezzo di cannuccia, l'ho inserita dentro la boccetta dello smalto rosso e poi ho soffiato sopra l'unghia.
Sul medio ho tentato di riprodurre la bilancia della giustizia; in realtà c'era un ulteriore pezzo, ovvero la figura della donna bendata che la regge, ma per me era praticamente impossibile riuscire a disegnarla, soprattutto col poco spazio a disposizione. Lo so che più che piatti sembrano due ciotole ma fate finta di nulla.
L'ho fatta perché nella prima stagione la donna che regge la bilancia è un trofeo molto ambito dagli studenti di Annaline, lei infatti lo assegna al più meritevole e, se non ricordo male, questa persona è esonerata dal fare l'esame, o qualcosa del genere.
Cercavo un elemento che rappresentasse il fatto che nella serie si parla di legge e avvocati, e dopo aver girovagato su internet ho deciso di usare il martelletto del giudice, che avrò rifatto qualcosa come quattro volte perché non c'era verso che mi venisse, quindi questo è il mio massimo.
Sul mignolo ho fatto la scritta K5 per indicare di Keating Five che, come ho scritto priima, sono gli studenti scelti da Annalise per aiutarla durante i processi.
 Vi piace questa serie? Anche il vostro cervello dopo un po' a deciso di sventolare bandiera bianca? Fatemi sapere.

Smalti utilizzati:
Astra Expert Gel Effect 02 (Neige), Shaka Gel 05 (Red Love) - 05 (Very Black), Acrilici

Alla prossima :)


Ti potrebbe interessare

2 commenti

Image and video hosting by TinyPic
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione degli autori e senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001.