Finishpedia #23 Scattered Holo | Maybelline Color Show 265 - Wine Shimmer

venerdì, giugno 12, 2015

Posso dire che mi stavo scordando di postare la Finishpedia perché ero convinta che fosse sabato? D: E dire che ho il calendario qui accanto...
Oggi ho deciso di iniziare il Wreck this Journal, che mi è stato regalato da una mia amica, ma è da stamattina che lo fisso e non so che fare ç__ç vorrei renderlo carino, tipo certi che ho visto su YouTube, ma il mio livello di creatività è tipo da asilo. Voi ne avete mai fatto uno? Fatemelo vedere.
Detto ciò, passiamo alla Finishpedia. Cavolo siamo già alla penultima puntata D: che tristezza. Si parla sempre di olografici ma questa volta andiamo a vedere gli Scattered Holo.
Cosa sono gli scattered? A differenza dei linear, che hanno un effetto prismatico, gli smalti scattered al loro interno hanno shimmer o glitter olografici sparsi, come sei minuscoli arcobaleni.

Lo scattered che vi mostro è il numero 265 della linea Color Show, e devo dire che la mia è stata una scelta parecchio infelice, dal momento che gli shimmer si vedono poco ç__ç aggiungeteci pure che è un jelly... Avrei fatto meglio a puntare a quello Debby, che per lo meno è nero e l'effetto si sarebbe notato molto di più, ma oggi non ho avuto il tempo di scattare delle nuove foto perché si è messo a piovere. Che fortuna, no?
Mi piace questo effetto? Come per il suo fratellino, non posso che dire di sì; a me basta che uno smalto sia olografico ed io sono felice, perché gli olografici rendono il mondo più bello!
 

Non perdetevi gli scattered scelti dalle altre ragazze, che a differenza del mio si vedranno molto di più.


 
Alla prossima :)

Ti potrebbe interessare

10 commenti

  1. Mi ricorda uno simile che ho si sinful colors :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qual è? Mi sa tanto che ce l'ho anch'io, ma vatti a ricordare ahahah

      Elimina
  2. Ci credi che ho dovuto googlare "Wreck this Journal"?.... sto diventando proprio anziana! :-D
    Per quanto riguarda questo smalto non posso che essere d'accordo con te: anche per me bastano poche particelle holo a rendere tutto più bello! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi son pentita di non aver ancora preso il top coat holo di Essence, ma credo che presto o tardi rimedierò alla cosa

      Elimina
  3. Mi accordo a Rebenice per quanto riguarda il Wreck this Journal, ho subito pensato: "E che cacchio è???".
    Mwhahaha a parte questo, ho uno smalto identico a quello che ci hai mostrato della MNY, che secondo me poi era una sottomarca della Maybelline quindi è proprio lui riciclato. Lo odio ok? Perchè non si vede una beata fava di quei bellissimi glitter holo che appaiono in boccetta! Mi fa venire un nervoso incredibile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah vi ho messo tutte in crisi con il Wreck. Condivido a pieno il tuo odio .-. nella boccetta è meraviglioso e sulle unghie una delusione totale. Se avessi notato per tempo che era un jelly l'avrei mollato al negozio

      Elimina
  4. Tardona perplessa, presente! Che diamine è 'sto Wreck this Journal?

    Per me l'holo deve essere holo potente e non accennato. Ecco perché rifuggo come la peste i glitter holo: la stragrande maggioranza se ne resta in boccetta e tu devi faticare come una dannata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah ma va che tardona! In pratica è un libro che devi distruggere, ma in modo creativo. Ad esempio chiede di versarci sopra il caffè, bucare le pagine, cucirle ahahah ci si sfoga ma in modo intelligente.
      Concordo con te, vien voglia di lanciarli dalla finestra quando li vedi belli tranquilli nella boccetta e stanno lì a prendersi gioco di te

      Elimina
  5. Altra tardona a rapporto! Non conosco questo Wreck this Journal...
    Un Maybelline con particelle holo? Non l'avevo visto questo! A me piace!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando lo finirò (tipo tra 10 anni) ci farò un post così vedrete cos'è XD

      Elimina

Image and video hosting by TinyPic
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione degli autori e senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001.