Finishpedia #9 Crelly | Yes Love G1-2 (Neon Glitter)

venerdì, marzo 06, 2015

Ciao a tutte ragazze, oggi è venerdì quindi si parla di Finishpedia, e il finish che vi andrò a presentare è uno di quelli che mi ha fatto uscire letteralmente fuori di testa: il crelly.
Che cos'è il crelly? È un mix tra il jelly e il crème, ovvero è coprente quanto può esserlo uno smalto crème, anche se un pochino meno (a differenza del suo fratellino che invece è molto sheer quando lo si va a stendere), ma al contempo ha un aspetto viscoso come può essere quello di un jelly. Insomma, tutto chiaro, no?
Giuro che questa è la definizione più semplice che sia riuscita a trovare in giro, e in tutto ciò penso che non credo riuscirò mai a riconoscerli per davvero.
Lo smalto crelly che ho scelto di mostrarvi è questo Yes Love G1-2 Neon Glitter (o almeno spero di averci azzeccato, per me potrebbe pure essere un jelly, e magari lo è per davvero ed io ho toppato alla grande). Comunque ha una base nude con hex glitter dai colori neon.
Mi piace questo finish? No, ho deciso che lo odio!
Il fatto che abbia contribuito a farmi entrare in crisi perché non riesco a riconoscerlo, lo ha fatto finire automenticamente nella mia lista nera dei finish, e credo si sia guadagnato pure la prima posizione.
Mio odio a parte, negli smalti indie ho visto che, spesso e volentieri, gli smalti crelly si possono trovare con diversi tipi di glitter, hex come nel mio caso, oppure tondi, quadrati, cuori ecc... ed io ero seriamente convinta che i crelly fossero solo quelli... ma non poteva essere così? D: mi sarei risparmiata un mal di testa!

Andate a dare un'occhiata agli smalti scelti dalle altre, che almeno loro ci hanno azzeccato ahahah




Alla prossima :)

Ti potrebbe interessare

13 commenti

  1. Secondo me aver scelto uno smalto "farcito" ha reso più difficile la cosa! E' fatica capire se è jelly o crelly quando ci sono tutti quei glitter. Ma un crelly nudo e crudo è bellissimo e lo riconosceresti subito <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah ti dirò che tra quelli che ho non sarei stata in grado di riconoscere un crelly, questo mi sembrava il più simile, oh poi magari è davvero jelly ed io ho preso un granchio ahahah

      Elimina
  2. Io sui crelly non posso proprio pronunciarmi. :D Però questa linea Yes Love mi piace tanto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato solo che non sia proprio un toccasana per le unghie. Non so se è l'aver letto che sono dannosi ma ho sentito come una specie di bruciore quando sono andata a stenderlo à_à è un peccato sì perché certi sono molto belli

      Elimina
  3. Stavo per postare il suo collega rosa che tra l'altro mi sembra un filo più coprente. Comunque adoro questi smaltini glitterati. E jelly e crelly non sono nemmeno tra I miei preferiti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io i crelly ho deciso di odiarli a priori ahahaha

      Elimina
  4. Io e te siamo sulla stessa lunghezza d'onda mia cara! :-)

    RispondiElimina
  5. Non mi dispiace questo finish ma solo se infarcito di glitter e sufficientemente simile alla classica crema :) Invece devo dire che questi glitter neon non mi fanno impazzire o, meglio, non mi fa impazzire la base, al 90% per me i nudi sono un gran NO :((((

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah ti dirò che come base a me sarebbe piaciuto un diverso colore, mi pare parecchio smorto

      Elimina
  6. Molti rossi sono dei crelly, inrealtà. Un crelly è una lacca più sheer. Qui mi piacciono gli esagonoidi fluo, ma fossi stata nel suo ideatore magari avrei scelto un altro colore come base, per farli risaltare di più...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, come ho scritto nel commento sopra questo colore è troppo smorto per degli glitter così colorati. Comunque terrò a mente il fatto degli smalti rossi, grazie!

      Elimina
  7. Quei glitter sono una botta di vita, la base li ammazza un po', ma dai nel complesso non è affatto male!

    RispondiElimina

Image and video hosting by TinyPic
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione degli autori e senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001.