A year with nail art #3 | Luglio

venerdì, luglio 15, 2016

Anch'io sono entrata nel tunnel di PokémonGo, ma facendo parte della generazione che si scambiava le figurine dei pokémon fuori da scuola, che manco i narcotrafficanti più incalliti riuscivano a gestire un simile spaccio, non potevo non averlo. Ho preferito aspettare l'uscita ufficiale in Italia anche perché non mi andava di crearmi un nuovo account e fare tutta quella trafila. Adesso non mi resta che trovare una valida scusa per entrare nella chiesa del mio quartiere e catturare il pokémon che c'è dentro.
Intanto vi propongo l'A year with nail art di luglio.
Devo dire che l'anguria non è un frutto che mi fa impazzire, anzi ho iniziato a odiarlo durante il periodo in cui si è sposata mia sorella, perché avevo deciso di voler fare un po' di dieta, ma non ero riuscita a rinunciare a una bella pizza, e per pagare quel "peccato" avevo dovuto mangiare un'anguria intera, divisa tra colazione, merenda, pranzo e cena, alla sera avevo le lacrime agli occhi e la nausea perché non ne potevo più, e da quel momento se ne mangio una fetta in tutta l'estate è un miracolo.
Ma l'anguria è anche sinonimo d'estate, e per questa nail art di luglio non poteva esserci soggetto migliore. Per realizzare la mia ho deciso di modificare un pochino i colori, scegliendo uno smalto che si avvicina di più all'effettivo colore dell'anguria e un verde leggermente più acceso. Ho steso il rosso su pollice, indice e medio, il verde sul mignolo e il bianco sull'anulare. Ho poi disegnato la fetta dell'anguria utilizzando direttamente gli smalti e un pennellino, e con il nero ho fatto i semini, aggiungendone due in più perché mi pareva troppo vuoto ai lati, per finire ho dato una mano di top coat opacizzante.

Smalti utilizzati:
Astra Expert Gel effet 24 - 02, Kiko 297, Pupa Lasting Color Gel 035







  Segui la bacheca a year with nail art #3 di Chiara su Pinterest.

Alla prossima :)

Ti potrebbe interessare

2 commenti

Image and video hosting by TinyPic
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione degli autori e senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001.