Telefilm&Popcorn | Shameless

sabato, aprile 30, 2016

Ciao a tutte ragazze, eccoci arrivati all'ultimo appuntamento con questa rubrica dedicata ai miei telefilm preferiti, e per chiudere in bellezza ho scelto di parlarvi della seri con cui ho un vero e proprio rapporto di amore/odio, ovvero Shameless.
È un telefilm che va in onda dal 2011, prodotto da John Wells, e si tratta di un remake della versione britannica, che a mio avviso è imbarazzante ma va bè.
È ambientata nel South Side di Chicago e segue le vicenda della disastrata e povera famiglia Gallagher, composta dal padre alcolizzato e drogato Frank e dai figli Fiona, la maggiore che dall'età di 12 anni è costretta a prendersi cura dei suoi fratelli Lip, Ian, Debbie, Carl e Liam perché la madre Monica li abbandona a causa del suo rapporto conflittuale con Frank e del bipolarismo che l'affligge.
Questo agglomerato di persone è ben lontana da quella che è la famiglia tradizionale: Frank non riesce a comportarsi come dovrebbe fare un padre, passa la maggior parte del tempo all'Alibi, bar gestito da Kevin e Veronica, i loro vicini di casa, o a truffare lo Stato o altre persone. È quindi Fiona a doversi sobbarcare l'enorme peso dell'intera famiglia, facendo sia da madre che sorella ai suoi fratelli.
Sicuramente mi avrete già sentito nominare questa serie in qualche post; io l'ho scoperta tardi, quando in America stava andando in onda la quinta stagione, ed è stato un caso perché avevo beccato una gif su Tumblr così per curiosità ho deciso di iniziarla e nel giro di una settimana mi sono messa in pari. Ma questo telefilm è un continuo su e giù, come sulle montagne russe, perché un minuto prima sei lì tutta contenta e quello dopo stai imprecando come un camionista ucraino.
Il camionista che è in me è uscito soprattutto durante l'ultima stagione, che si è conclusa da poco, perché non mi sono piaciute le scelte fatte dagli autori, e si può dire che l'ho seguita per forza di inerzia.
Il mio personaggio preferito non fa parte della famiglia Gallagher, e all'inizio doveva essere solo un interesse amoroso di uno dei protagonisti, ma al pubblico è piaciuto a tal punto che dalla quarta stagione è diventato un regular; sto parlando di Mickey Milkovich. Non lo amo solo perché adoro alla follia Noel Fisher, ma soprattutto perché tra tutti è il personaggio che è cresciuto maggiormente, e Noel ha la capacità di farti sentire ciò che Mickey sta provando. Se facessero uno spin-off sui Milkovich io sarei la donna più felice sulla faccia della terra, e non sono l'unica a pensare che nella quarta e nella quinta stagione siano diventati perfino più popolari dei Gallagher.
Ovviamente amando Mickey potevo non shippare i Gallavich? Prima che si formasse la coppia Ian+Mickey io avevo ancora un briciolo di sanità mentale ma dopo di loro è stato uno sfacelo! Sono una delle ship più belle degli ultimi anni, anche se io cambierei il nome in mai na gioia perché sono una di quelle coppie destinate a strapparti via il cuore, in un modo o nell'altro.
Bene, direi che possiamo passare alla nail art:
Sull'indice ho riportato il nome dello show, con tanto di elle leggermente inclinata come l'originale; ho cercato di avvicinarmi alla tonalità del logo ma non mi è venuta benissimo.
Sull'indice ho rappresentato i Gallagher con un boccale di birra e un quadrifoglio, il primo perché in casa loro la birra non manca mai, e perfino i più piccoli la bevono, ed il secondo perché hanno origini irlandesi.
Sul medio un omaggio alla mia ship, attorno al nome ho aggiunto dei dots neri e arancioni per riprendere il colore dei capelli di Ian e Mickey, e poi mi serviva qualcosa per riempire lo spazio rimasto.
L'anulare è dedicato a Mickey, e per rappresentarlo ho scelto di riportare la scritta che ha tatuata sulle nocche.
Per ultimo sul mignolo ho aggiunto il nome dell'Alibi Room, che nell'ultima stagione è stato eletto il bar più merdoso del South Side, con grande gioia di Kevin ahahah.

Smalti utilizzati:
Astra Expert Gel Effect 24, Essence The Gel 33, Kiko 357, acrilici








Questo è tutto, grazie a coloro che hanno seguito questa rubrica e che hanno lasciato qualche commento, io mi sono divertita a realizzarla e spero che a voi sia piaciuta.
Alla prossima :) 

Ti potrebbe interessare

2 commenti

Image and video hosting by TinyPic
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione degli autori e senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001.