Finishpedia #10 Matte | Deborah Sense Tech 05

venerdì, marzo 13, 2015

Ciao ragazze, oggi sono triste perché per la prima volta ho ricevuto un invito per partecipare al Cosmo e ovviamente non potrò andarci perché l'abitare in Sardegna continua a precludermi tutte queste occasioni ç__ç qualcuna mi adotta?
Sfiga a parte, oggi finalmente si torna a parlare di finish che la sottoscritta riesce a riconoscere ahahah ovvero il matte/mat.
Che cos'è il matte? Sono smalti che, una volta asciutti, sono completamente opachi, ergo scordatevi l'effetto laccato e brillante. Regola fondamentale dei matte è che non bisogna utilizzare mai e poi mai il top coat, perché altera l'opaco, ma nonostante questo ce ne sono certi che hanno comunque una buona durata. In commercio esistono anche top coat che ricreano l'effetto matte su altri smalti che, ovviamente, non lo sono.
Come smalto matte ho scelto di mostrarvi il numero 05 dei Sense Tech di Deborah, che in teoria è un borgogna scuro ma dalle foto sembra più un marrone.
Mi piace questo finish? Sì.
Mi piace soprattutto perché so esattamente quando devo dare la seconda mano di colore ahahahah Volete mettere la comodità di non dover star lì ad aspettare e poi avere la paura di toccare lo smalto perché potrebbe rimanerci stampata l'impronta?
Ho smalti matte di diversi brands, tipo Kiko, Essence, Sinful Colors ecc... insomma ogni brand ha sicuramente fatto uscire una linea matte quando c'è stato il boom di questo finish, e devo dire che ne vorrei molti di più, perché è un effetto che porto molto volentieri. Ho addirittura acquistato il top coat opacizzante (quello di Essence, che ora non è più in commercio) e spesso mi divertivo a passarlo sugli altri smalti quando mi ero stancata di vederli troppo lucidi. I matte che preferisco, però, sono quelli neon, ADORO!
L'unica pecca di quello che ho scelto è che macchia un botto, ho dovuto passare la spazzolina sulle unghie almeno un paio di volte ma si vedeva ancora l'alone rossastro, sigh.

Date un'occhiata anche alle proposte delle altre ragazze




Alla prossima :)


Ti potrebbe interessare

16 commenti

  1. Molto particolare e molto bello, a me piace!
    Io ti adotterei volentieri, se mi ricambi l'ospitalità d'estate... ;-)

    RispondiElimina
  2. Che bel colore! Mi mordo le mani ad averne presi pochissimi, questo è un must have!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo era uno di quelli che si potevano trovare nel giornale (Grazia? Non ricordo) e a me è stato mandato perché ovviamente la mia città era tra quelle sfigate coi colori smorti. Comunque anche negli stand Deborah non mi pare di averli mai visti à_à peccato perché vedendo gli altri colori mi sarebbe piaciuto prenderne diversi

      Elimina
  3. Ahhh, che peccato che macchi! :( Anche io lo vedo marroncino ^^ Cmq i neon non sono matte... sono neon, appunto, asciugano con un finish più gommoso ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah sì? Che figura ahahahahah io ho sempre pensato fossero matte, ovviamente non un matte puro

      Elimina
  4. Peccato che macchi :( Anche io uso spesso il top coat Essence che non vendono più per opacizzare tutto! Cmq secondo me i Kiko che hai citato erano satin non matte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio io stavo pensando a quelli sugar matt senza brillantini XD sono gli stessi a cui pensavi tu?

      Elimina
  5. Nooooo, le macchie noooo! Anche perché, TEORICAMENTE, i matte andrebbero indossati senza base - io però me ne frego e metto la base ovunque, ghgh.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Idem! Non riesco a portare uno smalto senza aver prima messo la base

      Elimina
  6. Adorabile colore, peccato però per le macchie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certi smalti sono nati per farci soffrire ahahah

      Elimina
  7. il colore è bellissimo, peccato che macchi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai ho capito che se son belli macchiano!

      Elimina
  8. Mannaggia, non oso immaginare il disastro...però porca puzzola è un bel colore!

    RispondiElimina

Image and video hosting by TinyPic
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione degli autori e senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001.