Collaborazione Born Pretty Store: Holographic Laser Powder #8

venerdì, gennaio 13, 2017


Ciao ragazze, dopo aver passato una mattinata d'inferno a causa del mio solito attacco di cervicale di quelli tanto simpatici, posso finalmente mettermi al pc e postarvi questa nuova recensione. Io ho sempre l'immensa fortuna di stare male prima di partire, perché sì la sottoscritta domani farà una full immersion al certo commerciale di Arese con destinazione Primark, e poi domenica si torna a casa. Come avevo scritto nel post haul di dicembre, mia cugina mi ha regalato il biglietto aereo quindi potrò dedicarmi ad un'intera giornata di shopping, l'unico problema sarà far entrare tutto in valigia perché mio malgrado mi tocca portarne una più piccola del previsto, e mia madre e mia sorella hanno già cominciato con le richieste, quindi non ho idea di dove infilerò tutta la roba. Se vi va di fare questo "viaggio" con me seguitemi sul mio profilo Instagram (@redda88) perché penso che intaserò il mio instagram stories.
Bando alle ciance, quest'oggi vi parlo dell'ultima delle quattro polveri che mi sono state inviate dal sito di Born Pretty Store, e che ho scelto di usare proprio in vista del mio viaggio. Si tratta della Holographic Laser Powder, la numero 8. In tutto ci sono otto tonalità ed io ho scelto la nera.
Vi arriva all'interno di una bustina richiudibile ed è dotata di un pennellino per applicare la polvere.







L'immagine del sito credo sia un po' fuorviante oppure sono io che sono una capra perché in teoria sembrerebbe avere un effetto olografico di tipo lineare, ma io ho fatto un paio di prove sia su smalto normale che su quello semipermanente e la polvere non si attaccava, anche se vedendo le foto presenti nel customer images di BPS sembra che alcune ci siano riuscite, quindi a questo punto mi viene da pensare che io non abbia ancora afferrato il giusto metodo. Per il momento mi sono limitata ad applicarlo picchiettandolo con la spugnetta (quindi si parla di un effetto scattered), questo sulle unghie in qui ho cercato di creare una sorta di french/gradient, mentre l'anulare l'ho direttamente immerso dentro la giara per fare prima, così che la polvere attaccasse bene su tutta la superficie.
Vi dirò che con una luce interna non sembra niente di che, sì è carino ma è con la luce solare che dà il meglio di sé, perché sprigiona tutto il suo potere arcobalenoso, e poi un olografico nero fa sempre la sua gran bella figura.
Se mai un giorno mi verrà rivelato il mistero su come trasformare lo scattered in linea aggiornerò il post, lo prometto.
Intanto beccatevi il video su come applicarlo:


Il prezzo per questa polvere è di 3 euro e 63, ma al momento la potete trovare a 1 euro e 81 a questo link: http://www.bornprettystore.com/1gbox-holographic-laser-powder-manicure-nail-glitter-powder-colors-p-33368.html

Per questa review ho provato ad usare uno sfondo nero per fare le foto, in teoria per far risaltare meglio il tutto, ma devo ancora destreggiarmi per quanto riguarda le luci.









Vi ricordo che per voi c'è uno sconto del 10% sui vostri acquisti che riguardano i prodotti per le unghie, non dovrete fare altro che inserire il mio codice personale quando state effettuando il pagamento. Se lo utilizzate almeno cinque volte me ne verranno spediti alcuni per fare un giveaway. 




Potete trovare Born Pretty Store anche su: Facebook, Instagram, Twitter

Tutti i prodotti mi sono stati inviati dall'azienda allo scopo di recensirli. Non ho ricevuto alcun compenso monetario per scrivere questo post, e le mie valutazioni non sono state in alcun modo forzate, si tratta della mia personale opinione riguardo al prodotto ricevuto.

Alla prossima :)

Ti potrebbe interessare

2 commenti

  1. To be honest, I prefer classic holo nail polishes. I got one holo powder for free and haven't used it yet because of the application...

    RispondiElimina

Image and video hosting by TinyPic
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione degli autori e senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001.