Telefilm&Popcorn | Queer as Folk

venerdì, marzo 11, 2016

Ciao a tutte ragazze, stavo per rimandare a domani ma mi son detta no, almeno stavolta devo cercare di postare di venerdì; non avrei di questi problemi se mi ricordassi di scrivere la bocca una volta finita la nail art, invece rimando sempre e va a finire che mi si accumulano i post, e mi tocca prepararne anche quattro alla volta.
Per il Telefilm&Popcorn di questa settimana ho deciso di proporvi una delle serie che più amo alla follia, e giuro che ho perso il conto di quante volte l'abbia già rivista, ma ogni volta che la ricomincio ricomincio le emozioni sono sempre le stesse. Sto parlando di Queer as Folk, serie che mi è stata consigliata anni fa da una mia amica, e che ancora oggi non faccio che ringraziare per avermela fatta scoprire.
È stata prodotta tra il 2000 e il 2005 da Showtime, e giuro che odio non averla seguita da subito, anche perché se non sbaglio la davano in tv, non ricordo su quale canale, ma veniva trasmessa tardissimo e io in quel periodo andavo ancora a scuola.
È il remake di una serie anglosassone, e grazia a Dio l'hanno rifatta perché quella originale non mi è piaciuta neanche un po', credo di averla abbandonata dopo pochi episodi, non mi aveva proprio preso.
Ricordo che ero costretta a guardarla dopo che tutti erano andati a letto perché i miei non sarebbero stati tanto felici di sapere che seguivo un telefilm del genere, non tanto per i temi quanto più per le scene esplicite, ed è colpa di Queer as Folk che da quel momento non faccio che shippare coppie maschili anche quando queste non sono canon; posso dire con certezza che mi abbia traviato il cervello, ma non posso che esserne contenta ahahah.
Il telefilm segue le vicende di cinque uomini gay e di una coppia di lesbiche che vivono a Pittsburgh, anche se si può praticamente dire che i veri protagonisti alla fine siano Brian e Justin.
Il mio perosonaggio preferito è senza dubbio Brian, insomma si può non amare qualcuno che viene letteralmente definito il dono di Dio ai gay? A mio avviso è uno dei personaggi più riusciti di sempre, è estremamente complesso e affascinante (oltre al fatto di essere un gran bel pezzo d'uomo), ed ha una grande crescita durante le cinque stagioni. Infatti all'inizio il suo unico interesse è il sesso fine a se stesso, nessun sentimento o legame, per questo quando comincia la sua storia con Justin, Brian pare disprezzarlo perché il più piccolo vuole disperatamente stare con lui, ma i suoi sentimenti cominciando a mutare nel momento in cui Justin viene aggredito da un suo compagno omofobo. Anche se agli occhi degli spettatori è palese che ormai anche Brian lo ama, il processo è lento perché fa fatica ad esprimere ciò che prova per lui, ma dove non arrivano le parole ci pensano i gesti, gli sguardi e le azioni. Ahhh, Dio quanto amo Brian Kinney!
I Britin sono una delle coppie più belle in assoluto, anche se più di una volta mi è venuta una gran voglia di entrare dentro lo schermo del pc e prenderli a ceffoni, soprattutto Justin in un determinato periodo, e non potete immaginare quanto abbia sofferto e quanto ancora mi facciano soffrire questi due. Se non avete visto la serie non vi anticipo nulla, ma se la cominciate poi capirete il perché abbia scritto queste cose e mi darete ragione.
Passo a illustrarvi la nail art:
Sul pollice ho scritto il nome dello show su una base nera, utilizzando l'acrilico bianco, riportandolo esattamente così com'è nel logo, con tanto di linea rainbow nel mezzo.
Su indice e medio ho voluto mettere due simboli che rappresentano il movimento omosessuale; nella prima unghia i simboli del maschile e del femminile, che ho fatto con l'acrilico bianco e li ho poi ripassati con gli smalti, mentre sulla seconda non potevo che realizzare la bandiera rainbow, che attualmente è il simbolo (quante altre volte voglio scrivere questa parola?) più usato e noto. Ho applicato una base bianca ed ho poi steso i colori su una spugnetta, realizzando il gradient, anche se non sono pienamente soddisfatta di com'è venuta, il viola si nota a malapena.
L'anulare (dito mica scelto a caso) l'ho voluto dedicare ai miei amati Britin, perché essendo la mia ship ufficiale era giusto che avessero uno spazio tutto loro.
Per il mignolo non avevo più idee, quindi ho aggiunto Rage, che è il nome del fumetto creato da Justin e Michael, il migliore amico di Brian, e il protagonista, un supereroe gay, è ispirato proprio a quest'ultimo.
Voi avete seguito Queer as Folk? Se non l'avete fatto potenevi subito rimedio perché è una serie che va guardata assolutamente, ma ricordatevi di usare le cuffie! 

Smalti utilizzati:
Yesensy 087, Astra Expert Gel Effect 24 (Noir Foncé), Shaka Gel Look 05, Kiko 297 (Verde acido) - 357 (Arancio Acceso), Kiko Quick Dry 827 (Viola ametista), Essence 15 (Hey, love!), Essence The Gel 28 (Hello sunshine), Deborah Prêt à Porter 98, Melissa Nails Color Matte B314 - B317, Acrilici

Alla prossima :)

Ti potrebbe interessare

2 commenti

  1. Datemi più gradient!!! *u* non ho mai seguito questa serie, però questa tua nail art ha proprio il suo perché!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A saperli fare decentemente ahahah È una serie bellissima, io la consiglierei a chiunque, anche se capisco che il genere deve piacere

      Elimina

Image and video hosting by TinyPic
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione degli autori e senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001.