Nail art of the week | #8

martedì, novembre 17, 2015

Stamattina son dovuta andare dalla dottoressa perché per colpa della tosse ormai non chiudo occhio da quattro giorni, e una volta lì ho scoperto che prima di me c'erano sette persone, ma non è questa la cosa peggiore, infatti sono arrivati non so più neppure quanti rappresentanti farmaceutici, proprio uno dietro l'altro, sembravano essersi dati tutti appuntamento, e la segretaria li faceva entrare ogni tre persone. Ora io capisco che pure loro debbano lavorare, ma avere la decenza di andare in altri orari e non quando ci sono dei pazienti? Così le sette persone sono diventate nove, e il tizio che è entrato proprio prima di me ha distolto lo sguardo nel momento in cui si è alzato perché deve aver letto l'enorme vaffan che avevo stampato in faccia.
A parte questo, era da qualche giorno che mi ronzava in testa l'idea di dare un tocco animalier alle mie unghie, ma perché limitarsi sono a questo? Quindi ho tirato fuori gli smalti fluo e via! L'ultima volta che le avevo fatte così era il periodo in cui stavo facendo le guide per la patente, quindi si parla di ben tre anni fa.
Inizialmente avevo fatto un'altra versione, coprendo per intero le unghie con le macchie e dandoci poi sopra una mano di topper con shimmer e glitter olografici; in un primo momento mi era sembrata carina ma più la guardavo e più la vedevo troppo pesante, non so se mi spiego, così l'ho tolta la sera stessa e il giorno dopo l'ho rifatta.
Ho fatto un giretto su Pinterest per cercare ispirazione e mi piaceva l'idea di realizzare una french manicure, per poi continuare lateralmente anche nella parte "nuda" dell'unghia, ma secondo voi ci sono riuscita? Certo che no! Nonostante abbia usato le guide sono venute tutte storte, ho quindi provato a sistemare il pasticcio con una linea nera per delineare il bianco ma ho solo peggiorato la situazione.
Accantonata la french ho deciso di tingere nuovamente tutte le unghie, ma di apportare una modifica rispetto alla prima versione, ovvero creare una sorta di arco laterale con le macchie per dare un effetto più carino alla nail art.
Infine mi mancava un accent, quindi perché non provare a usare gli smalti fluo per creare un gradient? Già che li ho era giunto il momento di farlo, e devo dire che i matte di Melissa Nails si sono prestati molto bene, mischiandosi nel giusto modo. Credo sia la seconda volta in cui posso affermare di essere soddisfatta di come mi è venuto il gradient, brava me, mi do una pacca sulla spalla.
Per un momento ho pensato di stendere un topper con soli shimmer holo sul gradient, ma poi mi son detta che se l'effetto non si fosse piaciuto avrei dovuto farlo da capo, quindi mi sono limitata a dare una mano di top coat.
A voi piacciono le leopard nail art? Puntate alla versione classica o preferite sbizzarrirvi un po'?

Smalti utilizzati:
Astra Gel Expert 02, Melissa Nails Color Matte 310 - 313 - 314 -315 - 317 -323

Alla prossima :)

Ti potrebbe interessare

6 commenti

  1. Che nervoso quando ci sono i rappresentanti farmaceutici dal dottore grrr! >.<
    Io adoro le nail art animalier e questa che hai realizzato è davvero originale e bellissina!! *-*
    Vorrei essere brava come te!
    Un bacione :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah non mi ritengo poi così brava, ma ti ringrazio :) L'importante è non smettere di provare, pian piano si migliora

      Elimina
  2. Che meraviglia!! Adoro infinitamente tutto ciò che porta la stampa animalier e i colori fluo, perciò puoi ben immaginare quanto mi entusiasma vedere i due elementi combinati insieme in un'unica nail art. Prenderò spunto per sfoggiare qualcosa di simile l'estate prossima. :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti sia piaciuta così tanto :D

      Elimina
  3. Woow nice nail art, love your nails, see you tomorrow with our pattern. Big Hug.

    RispondiElimina

Image and video hosting by TinyPic
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione degli autori e senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001.