Collaborazione Born Pretty Store: Temix A01 - My Dear C92

domenica, novembre 29, 2015

Risveglio depresso a causa dei nuovo teaser di Shameless, gli autori si divertono a piazzarci scene che uccidono i miei poveri sentimenti, quindi non oso immaginare in che stato sarò quando vedrò la prima puntata, ma dovrò preparare i fazzoletti.
Ariel ha già fatto fuori tre palline dell'albero di Natale, ovviamente ha buttato a terra quelle di vetro, per la gioia di mia madre visto che son quelle che ha preso di recente, fra l'altro erano pure le più belle, ma ancora non ha ben compreso che è troppo cicciona per riuscire a stare in mezzo ai rami.


Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Temix A01 - My Dear C92

Quantità 7 ml
PaO /
Prezzo  11.41 €
Quantità 6 ml
PaO /
Prezzo 10.47 €

Oggi vi parlo di un tipo particolare di smalti, i peel-off, ovvero quegli smalti che una volta asciutti si possono levare come se fossero una pellicola, senza bisogno di utilizzare il solvente. A me incuriosivano parecchio così ho voluto provare quelli di due diversi brands venduti entrambi sul sito di Born Pretty Store. Perché ho scelto di scrivere un solo post anziché due? Mi è stato mandato il numero sbagliato di uno smalto, e dal momento che quello che mi è stato inviato al suo posto ha la stessa colorazione dell'altro che ho scelto, ho deciso di volerli comparare, anche perché sarebbe stato inutile scrivere due post pressoché uguali.
Gli smalti in questione sono il Témix A01 (che dalla boccetta ricorda gli smalti di Ciaté) e il My Dear C92. La linea del primo comprende 5 diverse colorazioni, quella dell'altro ne ha 6 e sono tutte fantastiche. Entrambi sono dei multichrome con base blu, che vira verso il viola e il fucsia, e a loro interno hanno shimmer olografici di tipo scattered, presenti in maggior numero nel My Dear. Sono dei jelly, ma il Témix ha una finitura frost mentre il My Dear è un semplice shimmer.
Su entrambe le boccette non è presente l'inci, quindi non so dirvi se sia buono o meno. 
Sul sito consigliano di stenderli su una base scura per avere una resta migliore, e la prossima volta che li userò mi dovrò ricordare di farlo.
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic

Hanno pennelli corti e dalla forma classica, anche se quello del Témix è leggermente più lungo e più largo rispetto all'altro, ma sono tutti e due abbastanza flessibili. Una cosa che non mi piace del pennello del Témix è che purtroppo si notano i segni lasciati dalle setole, difetto che si ricontra in tutti i frost.
La consistenza è davvero molto gelatinosa, quella del My Dear tende ad esserlo un po' di più; per quanto riguarda la stesura l'ho trovata fluida, anche se inizialmente mi aveva dato dei problemi quando ho provato a stendere il Témix sulla mia base, quindi ho dovuto rinunciarci. Vi consiglio di fare strati molto sottili perché entrambi tendono ad accumularsi, soprattutto sulle punte, formando dei bozzi.
La coprenza è parecchio scarsa, il My Dear è giusto un tantino più scuro, ma per entrambi ho dovuto fare dalle tre alle cinque passate prima di ottenere un risultato omogeneo. In tutti e due gli smalti ho riscontrato lo stesso difetto, ovvero il fatto che il colore non abbia preso sul bordo del margine libero, che è rimasto bianco.
Per l'asciugatura ci hanno messo più di due minuti, e il tempo è aumentato a meno a mano che aggiungevo strati. Per cercare di sbrigarmi ho provato ad asciugare il Témix (il primo che ho messo) con il phon ma è stata una pessima idea perché si sono formate delle grinze e l'ho dovuto rimettere.
Per quanto riguarda l'effetto multichrome trovo che sia più accentuato nel My Dear, perché quando ho scattato le foto è quello con cui ho fatto meno fatica nel catturare le varie tonalità.
Per il peel-off, invece, ho preferito il Témix, in quanto tra i due è quello che si toglie in maniera più uniforme, mentre con l'altro ho dovuto usare il bastoncino d'arancia fino alle punte, ed è comunque venuto via a pezzetti.
Consiglio una mano di top coat per renderli un po' più brillanti.
Non so dirvi nulla sulla loro durata perché li ho tenuti giusto per fare le foto, e devo dire che mi son pentita di non aver fatto almeno un esperimento con l'acqua, comunque il top coat può essere d'aiuto anche per farli resistere di più, magari date due mani al posto di una e sigillate bene le punte.
Dopo aver testato gli smalti peel-off posso dire che non sono proprio il mio geneere, non mi fa impazzire la consistenza, il dover arrivare a fare anche cinque strati e i tempi d'attesa, è un vero peccato perché hanno dei colori fantastici e se fossero stati degli smalti normali li avrei amati da impazzire.

Témix: http://www.bornprettystore.com/shimmer-starry-polish-nail-peel-polish-water-based-varnish-polish-colors-p-20701.html?currency=EUR 

My Dear: http://www.bornprettystore.com/shimmer-starry-polish-nail-peel-polish-water-based-varnish-polish-colors-p-20701.html?currency=EUR

Swatches:



Témix
Luce solare
Luce interna
Flash
Luce artificiale
Dettaglio colore
Dettaglio boccetta

Fucsia
Viola
Peel-off


My Dear
Luce solare
Luce interna
Flash
Luce artificiale
Dettaglio colore
Dettaglio boccetta
Fucsia
Viola
Peel-off
Vi ricordo che per voi c'è uno sconto del 10% sui vostri acquisti che riguardano i prodotti per le unghie, non dovrete fare altro che inserire il mio codice personale quando state effettuando il pagamento. Se lo utilizzate almeno cinque volte me ne verranno spediti alcuni per fare un giveaway. 

Potete trovare Born Pretty Store anche su: Facebook  Instagram Twitter



Tutti i prodotti mi sono stati inviati dall'azienda allo scopo di recensirli. Non ho ricevuto alcun compenso monetario per scrivere questo post, e le mie valutazioni non sono state in alcun modo forzate, si tratta della mia personale opinione riguardo al prodotto ricevuto.
 

Alla prossima :)

Ti potrebbe interessare

2 commenti

  1. Proprio un peccato, considerando anche il prezzo bello alto.

    RispondiElimina

Image and video hosting by TinyPic
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione degli autori e senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001.