Dress my nails | Kate Spade

venerdì, settembre 25, 2015

Dopo un proficuo pomeriggio di shopping, posso dire di aver esaurito il mio fondo monetario per questo mese. E dire che ero così felice di essere riuscita a tornare a casa con qualche soldino ancora in tasca dal mio viaggio a Latina, ma l'uscita di oggi è stata fatale per il mio povero portafoglio, che ora piange in un angolino ahahah.
Questo post deve essere velocissimo perché è uscita la prima puntata della seconda stagione di HTGAWM e devo guardarla prima che inizi America's next top model.
Kate Spade at New York Fashion Week Spring RTW 2016
Il vestito che ho scelto per questo venerdì direi che c'entra ben poco con l'inizio dell'autunno, di fatti è un grido alla primavera, ma mi è sembrato molto carino e allegro, quindi non potevo non realizzarlo.
I colori predominanti sono ovviamente il giallo e il nero, ispirati alla simpatica apina a forma di borsa, ed ho scelto proprio lei come soggetto per il pollice, per le tre successive ho preso spunto dalla trama del vestito, anche se a vederlo ora di base mi pare sia un giallino chiarissimo e non bianco, quindi ditemi voi se sono daltonica oppure no (anche se pio preferisco molto di più il bianco, perché fa risaltare gli altri colori) mentre le macchie più scure le ho fatte un po' così come venivano.
Sul medio ho voluto riportare il grosso fiocco nero usato come cintura, al centro del quale ho messo un brillantino dello stesso colore, ed i bottoni li ho realizzati con dei piccoli glitter, per dare un po' di tridimensionalità, infine per il mignolo ho scelto di riprendere le scarpe.
Devo dire che come nail art non mi dispiace affatto, la porterei volentieri, magari applicando giusto qualche modifica, come ad esempio fare l'ape più piccola e magari anche più di una, sempre sul pollice. Voi in che modo la realizzereste?

Smalti utilizzati:
Yesensy 087
Debby GelPlay 52
Kiko 279 (Giallo)


Alla prossima :)

Ti potrebbe interessare

0 commenti

Image and video hosting by TinyPic
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione degli autori e senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001.