Smalto del giorno #107 Revlon Parfumerie 015 - Ginger Melon

domenica, dicembre 28, 2014

Buona domenica a tutte. Questo pomeriggio devo mandare mia sorella in missione da Kiko per farmi prendere gli smalti della nuova collezione Haute Punk, più altre cose da Catrice, e spero che trovi tutto! La cosa fondamentale è il fondotinta, dato che lo toglieranno dal commercio, quindi è sempre meglio averne almeno uno di scorta. Dovrò darle le direttive tramite Whatsapp, anche se non so se avrà la pazienza di starmi dietro, dal momento che voglio anche un paio di smalti Catrice ma non ho idea di cosa sia rimasto da Scarpe&Scarpe. Eviterò di mandarla da OVS per il buono sconto Shaka perché non sarebbe facile dirle quali smalti ho e quali no.

Revlon Parfumerie 015 - Ginger Melon


Quantità 11.7 ml
PaO /
Prezzo 6.90
Colori inebrianti, profumazioni irresistibili in una confezione vintage.
Revlon Parfumerie™ offre 20 deliziosi colori profumati in una varietà  di finiture che spaziano dall’effetto lattiginoso ai glitter. La collezione è divisa in 3 fragranze e famiglie di colori: Frutta e Floreale, per note dal profumo esotico e fruttato in tonalità  vivaci; Dolci & Spezie, per note di profumo speziato in sfumature scure; Freschezza, con profumazioni leggere e colori nitidi.

• Tonalità  luminose e brillanti dal colore impeccabile e dal leggero profumo una volta asciugato
• Varietà  di finiture che spaziano dall'effetto lattiginoso ai glitter
• Profumazioni che vanno dal vino Bordeaux al tè rosa africano
• Profumazione che dura tutto il giorno
• Confezione molto glamour e vintage


La linea Parfumerie di Revlon è una novità di quest'anno, e la loro particolarità non è quella di assomigliare a un profumo solo nella forma della boccetta ma anche nell'odore. Questi smalti profumano e ci sono ben 20 tonalità tra cui poter scegliere, suddivise in tre tipologie di fragranze: fiori e frutta, dolci e spezie, e freshes. Oltre ai diversi profumi, questi smalti hanno anche finish differenti, insomma ce n'è per tutti i gusti.
Io al momento ne ho acquistati due, e il primo che ho voluto provare è Ginger Melon, un bel rosa corallo scuro, dal finish cream. Non associo la profumazione a quella del melone, anche perché a me non piace neanche un po', è molto dolce e zuccherosa, mi ricorda l'odore delle gomme da masticare all'anguria; vi assicuro che è davvero meraviglioso e viene voglia di addentarsi le unghie, o di passare le ore a tenerle sotto il naso.



Facendomi un'idea in giro, ho visto che in molte non sono entusiaste del mini pennellino, ed io non posso fare a meno che aggregarmi. Il tappo tondo potrà anche essere carino dal punto di vista estetico ma rende la presa approssimativa, di fatti per un paio di volte ha rischiato di scivolarmi dalle dita. Come si può notare dalla foto, il pennellino è corto e sottile, e non mi dispiaciuto averlo un po' più cicciottello, perché mi ha creato qualche problema durante la fase della stesura, che risulta sì scorrevole ma si notano le striature, ed essendo un cream non è tanto bello da vedere.
La consistenza è densa e la coprenza la classificherei come media, quindi sono d'obbligo almeno due passate.
L'asciugatura non è delle più veloci, quidi mettetevi comode e aspettate, e nel frattempo date una sniffatina perché, a mano a mano che lo smalto si asciuga, il profumo si intensifica. Comunque pur avendolo messo al mattino, quando sono andata a fare un pisolino nel pomeriggio ho notato che sulla superficie era rimasto il segno del cuscino, e questo mi ha fatto capire che, nonostante fossero passare almeno quattro ore e lo smalto si fosse asciugato, in realtà fosse rimasto troppo spesso, quindi vi consiglio di dosare bene il prodotto.
Io ho voluto mettere il top coat, nonostante lo smalto sia bello lucido anche senza, e il profumo si sentiva comunque, anche se un pochino viene attenuato. È un peccato che sia durato solo un giorno.
 
Luce solare
Luce interna
Flash
Luce artificiale

Alla prossima :)

Ti potrebbe interessare

0 commenti

Image and video hosting by TinyPic
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione degli autori e senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001.